booklibro | una nuova finestra su cakegardenproject

Settembre è il mese delle novità.

Vacanze o no ci siamo comunque riposati, abbiamo messo delle piccole distanze tra noi e la routine della nostra esistenza e ciò ci permette di organizzare pensieri e mettere a fuoco alcune cose un po’ disordinate dentro e fuori la nostra testa.

In questo breve periodo abbiamo sempre buoni propositi come il primo giorno di scuola, abbiamo sempre piccole promesse che ci facciamo … cerchiamo in qualche modo di porre delle soluzioni accettabili ai nostri piccoli cedimenti ed errori che ci trasciniamo durante l’anno. Sembra proprio che il periodo di vacanza abbia in sé la forza di rigenerare tutto o quasi, di renderci propositivi.

E poi si è più lucidi.

Ebbene, non la faccio lunga, ma sotto la contagiosa scia del “mettiamo tutto a posto, facciamo ordine e cominciamo il nuovo anno bene”, in questo mese di settembre inserisco nel mio blog due rubriche o meglio, due finestre, due angoletti, insomma due nuove pagine che conterranno posts tematici.

La prima la inauguro oggi e tratta di una passione insana che mi porto da sempre: i libri.

Ho passato l’estate scorsa tra la gioia di vedere pubblicate alcune mie fotografie in un bel libro/saggio e il cullare un neonato libro che non sto scrivendo io ma che da me attende cure ed attenzioni.

E allora mi son detta, beh, il questo blog mancano i libri, che invece sono presenti nella mia vita in modo prepotente.

E allora ecco la nuova rubrica che banalmente chiamerò booklibro.

booklibro

 

Sarò spudoratamente di parte perché naturalmente vi farò delle piccole recensioni solo su libri che mi sono piaciuti, che mi hanno incuriosito, che trovo interessanti, divertenti e da non perdere. Sempre secondo me.

E siccome i libri mi piacciono tutti, sono onnivora, troverete cose molto diverse, argomenti che se ne vanno da una parte all’altra in modo rabdomantico: storie, romanzi, saggi, arte, curiosità e tanto altro. Piccoli appunti per ricordarci che la lettura fa bene anche più di un bignè.

Saranno libri dagli argomenti seri, serissimi, ma anche leggeri e divertenti e ironici, insomma tutto ciò che più mi piace.

Sarò inoltre felicissima se qualcuno di voi vorrà inoltre segnalarmi nuove uscite, libri senza i quali non può vivere, curiosità che ritenete interessanti, uscite editoriali che ci fanno correre all’acquisto.

E con cosa inizio?

Non potevo iniziare che con CAKE, un libro per me dal perfetto connubio tra pasticceria, arte e terre d’Oriente.

cake_cover-libro

La storia è questa.

Nel maggio 2012 in un charity shop di Kensington High Street a Londra viene ritrovato un piccolo tesoro: un vecchio quaderno dalla copertina scura e dalle pagine ingiallite tutte scritte in modo fitto, serrato, in arabo e in francese, una raccolta di circa 60 ricette di dolci, alcune dedicate a nomi femminili e probabilmente scritte, appuntate, da una anonima donna di casa, una massaia che forse viveva in Libano.

Ricette probabilmente scritte a cavallo tra gli anni ’60 e ’70, ricette che raccontano la scrittrice che poi diventa essa stessa la penna che trascrive le ricette di altre donne, probabilmente della sua famiglia, costruendo un’opera corale che racchiude, attraverso le ricette, un mondo silenzioso.

cake_il-quaderno-orginale

Nasce così l’idea di una pubblicazione che si muove tra due mondi, quello della pasticceria e quello dell’arte legandoli in un progetto no-profit a sostegno di Bait al Karama, la prima Scuola Internazionale di Cucina Palestinese e presidio Slow Food, nata dalla cooperazione delle donne palestinesi di Nablus sotto la direzione di Fatima Khaddoumi e di Cristina Bottigella e Beatrice Catanzaro, con l’obiettivo di creare posti di lavoro per le donne di questa città.

Un libro, un dialogo tra ricette e diciannove artisti internazionali che hanno prestato al progetto le loro opere, frutto di interpretazioni libere delle ricette presenti nella piccola raccolta.

Silvia Levenson, Fin che morte non ci separi, 2012
Silvia Levenson, Fin che morte non ci separi, 2012

Ne esce un lavoro a più voci tra le anonime ricette e gli artisti, un lavoro che mescola sentimenti, profumi, immagini, colori, saperi e linguaggi, una sorta di viaggio interculturale che ha come legante la creatività.

Loredana Longo, Explosion 8, 2007
Loredana Longo, Explosion 8, 2007

I diciannove artisti – Hassan Al-Meer, Paolo Angelo- santo, Yto Barrada, Beatrice Catanzaro, Maimuna Feroze-Nana, Parastou Forouhar, Maïmouna Patrizia Guerresi, Susan Harbage Page, Reiko Hiramatsu, Uttam Kumar Karmaker, Silvia Levenson, Loredana Longo, MAD_Angela Ferrara e Dino Lorusso, Şükran Moral, Ketna Patel, Pushpamala, Anton Roca, Jack Sal, Larissa Sansour – sono “mescolati” a ricette di dolci quali il Gateau chocolat Rose o il Sfouf Souad, tipico dolce libanese, il semplice croissant o dolci dedicati a nomi femminili, come la Tarte Hélène o il Biscuit Ely.

Non é una bella storia?

cake_jack-sal-cake-2012.-disegno-a-matita-nastro-di-seta-e-inchiostro-pigmentato-su-carta-fabriano
Jack Sal, Cake, 2012

CAKE, la cultura del dessert tra tradizione Araba ed Occidentale è a cura di Manuela De Leonardis ed è edito da Postcart (www.postcart.com) e sarà presentato a Bologna ad Artelibro, il Festival del libro d’arte che si terrà dal 19 al 22 settembre prossimo.

I ricavati della vendita del libro saranno tutti devoluti al Bait al Karama Women Centre (La casa della Dignità) che intende lavorare con e per le donne della Città Vecchia di Nablus, con l’obiettivo di occuparsi non solo della creazione di posti di lavoro per queste donne, ma anche di svolgere attività di ricerca storico-culinaria ed artistica della cultura palestinese.

Un altro buon motivo per possedere questo libro.

1377716057535_cake_-susan-harbage-page-nipple-cakeSusan Harbage, Page nipple cake plates, 2003-plates-2003.-resina-epossidica-e-tortiere-di-vetro.-courtesy-of-the-artist
Susan Harbage, Page nipple cake, 2013
Anton Roca, Earthcake, 2012
Anton Roca, Earthcake, 2012

9 Comments

  • 4 anni ago

    ci uniamo anche noi ai complimenti per la tua bella idea :)… e si bella la storia di Cake, il connubio tra ricette e artisti, e il devolverne il ricavato è da pochi… tutto bello! ciaomiao

  • In bocca al lupo per questo piccolo grande nuovo progetto. Ogni nuovo inizio, piccolo o grande, ha sempre un buon sapore.
    Un abbraccio

  • 4 anni ago

    Che bella questa tua iniziativa…vorrei leggere di più (libri di cucina a parte) ma non trovo mai il tempo e se mi porto un libro nel letto son finita…il più potente sonnifero che esista!

    Ciao e buona serata
    Silvia

    • 4 anni ago

      Come hai ragione Silvia! Io riesco a leggere solo la mattina presto…. Quando sono lucida!
      Saluti e sorrisi!

  • 4 anni ago

    Hai ragione Monica, dopo le vacanze ci si sente in piena forma pronte per cose nuove, la tua idea e’ favolosa, mi piacciono i libri, io ne “divoro” tantissimi, 🙂 sopratutto di cucina, vecchi e nuovi, seguiro’ la tua rubrica con piacere per sapere le novita’ sulla tua passione “sana” per i libri!!! Un bacione, Laura!

    • 4 anni ago

      Grazie Laura!
      Aspetto anche da te suggerimenti…. ci conto!
      abbracci abbracci 🙂

Leave A Comment